Binge Eating Disorder (BED), quando il grasso comunica sofferenza

Le persone affette da Binge Eating Disorder, che possiamo definire in italiano un disturbo da alimentazione incontrollata, tendono a mangiare in un periodo di tempo circoscritto (circa mezz’ora) una quantità di cibo di gran lunga superiore a quella che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso periodo di tempo. Il tutto accompagnato dalla perdita di controllo sull’atto del mangiare. A queste abbuffate compulsive, differentemente per quanto avviene nella bulimia nervosa, non fanno seguito comportamenti di compenso, il che genera un conseguente aumento del peso corporeo. Non raramente, infatti, le persone affette da BED che afferiscono a strutture sanitarie sono dei “grandi obesi”. Come per la bulimia, anche in questo caso le abbuffate sono accompagnate da sentimenti di sconfitta e disgusto verso sé stessi.

Nel BED gli episodi di abbuffata sono associati a 3 o più dei seguenti aspetti:

  • Mangiare molto più rapidamente del normale
  • Mangiare fino a sentirsi sgradevolmente pieni
  • Mangiare grandi quantitativi di cibo anche se non ci si sente affamati
  • Mangiare da soli a causa dell’imbarazzo per quanto si stia mangiando
  • Sentirsi disgustati verso se stessi, depressi o molto in colpa dopo l’episodio
  • È presente un marcato disagio riguardo alle abbuffate
  • L’abbuffata si verifica, mediamente, almeno una volta a settimana per 3 mesi
  • L’abbuffata non è associata alla messa in atto sistematica di condotte compensatorie inappropriate come nella Bulimia Nervosa, e non si verifica esclusivamente in corso di Bulimia Nervosa o Anoressia Nervosa

Vedere oltre. Per alcune persone l’eccesso di grasso rappresenta una sorta di barriera protettiva, mentre per altre il cibo ingerito rappresenta un mezzo per “riempire un vuoto” e sentire di avere un “peso” nella società. In generale nelle persone affette da BED sono frequenti emozioni di vergogna e inadeguatezza, si scoraggiano facilmente, sono insoddisfatti del proprio corpo, presentano bassa autostima che favorisce l’insorgere del senso di colpa. Le persone BED presentano difficoltà a gestire le proprie emozioni, sperimentano spesso emozioni negative insopportabili e dunque utilizzano il cibo per trovare sollievo o per evitare l’esperienza emozionale.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here