Il cioccolato fa bene alla salute del cuore e non solo, i consigli degli esperti

Se ne parla spesso, il cioccolato fa bene alla salute del cuore, ma è anche un prezioso alleato di chi vuol seguire un’alimentazione sana ed equilibrata. Vediamo perché.

Il cioccolato ha una storia antichissima risalente all’età precolombiana che coinvolge re, principesse, divinità e cerimoniali religiosi.

Dal punto di vista nutrizionale sappiamo tutti che il cacao ha spiccate proprietà salutari. Oltre al buon contenuto di sali minerali (rame, magnesio, potassio e calcio)  e vitamine (E e gruppo B), troviamo in esso degli antiossidanti: i flavonoidi, contenuti in buona quantità anche nei frutti rossi. Studi scientifici affermano che queste sostanze svolgono effetti positivi sulla pressione arteriosa, sulla diminuzione del colesterolo LDL (quello cattivo), sull’inibizione dell’aggregazione piastrinica esercitando un ruolo protettivo nei confronti dell’aterosclerosi. I flavonoidi del cioccolato sono in grado di ridurre lo stress ossidativo cellulare, aumentando la produzione di ossido nitrico, una molecola con effetti vasodilatatori. Questo si riflette con un miglioramento della circolazione e sul buono stato di salute delle arterie.

Inoltre questi potenti antiossidanti  sarebbero perfino implicati nello sviluppo di una flora intestinale benefica, con conseguenze positive sul sistema immunitario. Sono state smentite, invece, le credenze che legano il suo consumo allo sviluppo di acne, emicrania e carie dentaria.

Noto a tutti, poi, è l’effetto positivo sull’umore. Questa particolare azione è dovuta alla feniletilamina, in grado di stimolare la produzione della serotonina, il neurotrasmettitore legato al “buonumore”. È questo quindi che rende il cioccolato un alimento con proprietà antidepressive. Inoltre la teobromina presente nel cacao esercita effetti stimolanti sul sistema nervoso, migliorando la concentrazione e riducendo il senso di stanchezza.

Tuttavia, per godere di questi benefici, bisogna scegliere l’amaro del fondente (con un quantitativo di cacao non inferiore al 70%). Il cioccolato al latte, peggio ancora quello bianco, non apporta i benefici appena descritti e questo dipenderebbe dalle proteine del latte, responsabili dell’inibizione dell’assorbimento dei flavonoidi.

Attenzione poi alle etichette! Ricordate sempre che quando leggete la lista degli ingredienti, questi sono indicati in ordine decrescente in riferimento alla quantità. Prediligete, dunque, il cioccolato che presenta il cacao al primo posto della lista. Ciò significa che è l’ingrediente presente in maggior quantità, elemento che caratterizza un cioccolato migliore.

Ma veniamo alla famosa domanda: il cioccolato fa ingrassare? Se è vero in linea generale che il cioccolato è un alimento ad elevato potere calorico, un quadratino di cioccolato fondente apporta circa 50 kcal. L’aumento di peso dipende da altri fattori, legati alle errate abitudini alimentari e a stili di vita poco salutari. Quando consumato con moderazione, il cioccolato non solo fornisce nutrienti e piacere ma può anche essere considerato come parte di un’alimentazione sana ed equilibrata.

 

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here